Viale Aldo Ferrari, 37  -  19122  -  La Spezia  -  Telefono: + 39 0187 743000 - Fax: + 39 0187 743208 - CONTATTI E DATI FISCALI

COMUNICAZIONE D.S.

17 Marzo 2020

Al tempo della didattica a distanza – una riflessione

«Ita fac, mi Lucili: vindica te tibi […]»

Se nella lingua originale suona poco familiare, proviamo con la sua traduzione inglese : «Continue to act thus, my dear Lucilius – set yourself free for your own sake […]»

Il tempo sospeso – i filosofi direbbero anche “epochizzato”  –  di questi giorni, trascorsi racchiudendo fra parentesi gesti, comportamenti e abitudini della vita quotidiana ante Coronavirus, è un’occasione per ritornare a quella insuperata lezione sul tempo che Seneca affida alla sua I Lettera a Lucilio.

Non lasciarselo portare via, non dissiparlo, trattenerlo per sé, appropriarsene fino in fondo, rivendicarlo a se stessi come si farebbe con un bene di nostra proprietà che qualcuno volesse ingiustamente sottrarci: questo il rapporto con il tempo dell’esistenza raccomandato da Seneca all’amico e allievo Lucilio, e per suo tramite a ciascuno di noi.

“Amico e allievo”: una duplice apposizione, per noi, che al mondo classico suonerebbe piuttosto come un’endiadi, un concetto unico reso attraverso una disgiunzione di termini. Perché la relazione educativa, per i Greci come per i Latini, è prima di tutto una relazione di amicizia. Un’amicizia dai tratti alquanto ruvidi, ispirata al motto: “ Amicus Plato, sed magis amica Veritas”, vale a dire: posso anche essere amico di un grand’uomo come Platone, ma ancor più amica di lui mi è la verità.

Vicino ai bisogni dell’allievo, “amichevole” nei suoi confronti, il maestro può e deve esserlo, qualche volta; senza però che questa vicinanza allenti i suoi legami – professionali e deontologici – con la verità, o con quei frammenti di verità che tra un passo falso e l’altro ogni disciplina via via scopre ricostruendoli o magari costruisce scoprendoli.

Chissà che la distanza forzata della didattica on line non serva a restituire a noi tutti il giusto equilibrio fra dimensione interpersonale e tensione verso la verità, poli dialettici di ciascuna relazione autenticamente educativa.

Le teste dei ragazzi chine in questi giorni su smartphone, PC o tablet, senz’altra spinta che quella, inopponibile, dell’autodeterminazione; la dedizione con cui i docenti, anche quelli meno “digitali”, si sono avventurati nella didattica a distanza testimoniano che la fusione di orizzonti fra generazioni lontane – a volte lontanissime, come nel caso di Seneca – la condivisione di un cammino orientato all’appropriazione di valori che restano – propriamente detti intranseunti – è una possibilità concreta, che concretamente si sta realizzando nella nostra comunità scolastica.

Una comunità che sta dando prova, in tutte le sue componenti, di una capacità di adattamento e di una disponibilità a collaborare nel perseguire l’interesse comune a dir poco ammirevoli.

Concludo rivolgendo a famiglie, studenti, docenti e personale ATA del Liceo Mazzini l’esortazione di Seneca nella sua versione inglese – che come ogni versione degna di questo nome regala un di più di senso: «Continue to act thus […]»

il dirigente
Francesca Del Santo

Al tempo della didattica a distanza – una riflessione

Ultimi articoli

ALUNNI 21 Marzo 2020

Iniziativa del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi

Un’interessante iniziativa del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi in occasione dell’emergenza da COVID-19 https://www.

AVVISO 17 Marzo 2020

Soldarietà Digitale

Imprese e associazioni hanno messo e metteranno a disposizione servizi gratuiti.

COMUNICAZIONE D.S. 17 Marzo 2020

Al tempo della didattica a distanza – una riflessione

«Ita fac, mi Lucili: vindica te tibi […]» Se nella lingua originale suona poco familiare, proviamo con la s

AVVISO 17 Marzo 2020

CONTRIBUTI STRAORDINARI DI SOSTEGNO

AVVISO PUBBLICO RIVOLTO ALLE FAMIGLIE RESIDENTI IN LIGURIA PER CONTRIBUTI STRAORDINARI DI SOSTEGNO PER L’ACCUDIME

torna all'inizio del contenuto

RIAMMISSIONE A SCUOLA - NUOVE INDICAZIONI

Ai sensi del DPCM 1.3.2020, fino al 15 marzo la riammissione a scuola di seguito ad assenze superiori ai 5 giorni, ovvero iniziate prima della sospensione dell'attività didattica, è subordinata a presentazione di certificato medico limitatamente ai casi di assenza per malattia infettiva soggetta a obbligo di segnalazione ai sensi del DM del 15.12.90

RIAMMISSIONE A SCUOLA - ULTERIORI PRECISAZIONI

Sulla base della nota ALISA prot. 5143 del 2 marzo 2020, le disposizioni inerenti la riammissione a scuola devono intendersi così integrate:

  • fino al 15 marzo la riammissione a scuola di seguito ad assenze superiori ai 5 giorni, ovvero iniziate prima della sospensione dell'attività didattica, per le quali NON sia richiesto il certificato medico è subordinata alla presentazione di autocertificazione che riporti di “Non aver contratto una malattia infettiva soggetta a notifica obbligatoria, non aver soggiornato in zone endemiche e non aver avuto contatti con casi sospetti o confermati”.

Si invita a consultare il registro elettronico per gli aggiornamenti del caso.

Si evidenzia che nell'interesse esclusivo della comunità scolastica e della sua salute

NON SARANNO IN ALCUN CASO RIAMMESSI A SCUOLA GLI STUDENTI ASSENTATISI ANCHE PER UN SOLO GIORNO PRIMA DELLA SOSPENSIONE DELL'ATTIVITA' DIDATTICA CHE SI PRESENTASSERO PRIVI DI CERTIFICATO MEDICO (per i casi previsti dalla norma) O PRIVI DI VALIDA AUTOCERTIFICAZIONE.

CIRCOLARE 324

autocertificazionecoronavirus

MASSIMA IMPORTANZA!

Ai sensi del dpcm 9 marzo 2020 la sospensione dell'attività didattica o formativa, ante e post meridiana, come pure di qualunque attività nella modalità in presenza degli Organi Collegiali, è protratta fino al giorno 3 APRILE 2020

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Si avvisano tutti gli utenti di GSuite non in regola con le autorizzazioni che i loro account sono sospesi

AVVISO!

Si avvisa che l'attività didattica e i servizi proseguono in modalità a distanza, restando chiuso l'edificio scolastico fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, ovvero fino a data di proroga.

SI RACCOMANDA DI PRENDERE VISIONE DELLE CIRCOLARI PUBBLICATE SUL REGISTRO ELETTRONICO.