Viale Aldo Ferrari, 37  -  19122  -  La Spezia  -  Telefono: + 39 0187 743000 - Fax: + 39 0187 743208 - CONTATTI E DATI FISCALI

COMUNICAZIONE D.S.

11 Marzo 2020

Al tempo della didattica a distanza – una riflessione

«Ita fac, mi Lucili: vindica te tibi […]»

Se nella lingua originale suona poco familiare, proviamo con la sua traduzione inglese : «Continue to act thus, my dear Lucilius – set yourself free for your own sake […]»

Il tempo sospeso – i filosofi direbbero anche “epochizzato”  –  di questi giorni, trascorsi racchiudendo fra parentesi gesti, comportamenti e abitudini della vita quotidiana ante Coronavirus, è un’occasione per ritornare a quella insuperata lezione sul tempo che Seneca affida alla sua I Lettera a Lucilio.

Non lasciarselo portare via, non dissiparlo, trattenerlo per sé, appropriarsene fino in fondo, rivendicarlo a se stessi come si farebbe con un bene di nostra proprietà che qualcuno volesse ingiustamente sottrarci: questo il rapporto con il tempo dell’esistenza raccomandato da Seneca all’amico e allievo Lucilio, e per suo tramite a ciascuno di noi.

“Amico e allievo”: una duplice apposizione, per noi, che al mondo classico suonerebbe piuttosto come un’endiadi, un concetto unico reso attraverso una disgiunzione di termini. Perché la relazione educativa, per i Greci come per i Latini, è prima di tutto una relazione di amicizia. Un’amicizia dai tratti alquanto ruvidi, ispirata al motto: “ Amicus Plato, sed magis amica Veritas”, vale a dire: posso anche essere amico di un grand’uomo come Platone, ma ancor più amica di lui mi è la verità.

Vicino ai bisogni dell’allievo, “amichevole” nei suoi confronti, il maestro può e deve esserlo, qualche volta; senza però che questa vicinanza allenti i suoi legami – professionali e deontologici – con la verità, o con quei frammenti di verità che tra un passo falso e l’altro ogni disciplina via via scopre ricostruendoli o magari costruisce scoprendoli.

Chissà che la distanza forzata della didattica on line non serva a restituire a noi tutti il giusto equilibrio fra dimensione interpersonale e tensione verso la verità, poli dialettici di ciascuna relazione autenticamente educativa.

Le teste dei ragazzi chine in questi giorni su smartphone, PC o tablet, senz’altra spinta che quella, inopponibile, dell’autodeterminazione; la dedizione con cui i docenti, anche quelli meno “digitali”, si sono avventurati nella didattica a distanza testimoniano che la fusione di orizzonti fra generazioni lontane – a volte lontanissime, come nel caso di Seneca – la condivisione di un cammino orientato all’appropriazione di valori che restano – propriamente detti intranseunti – è una possibilità concreta, che concretamente si sta realizzando nella nostra comunità scolastica.

Una comunità che sta dando prova, in tutte le sue componenti, di una capacità di adattamento e di una disponibilità a collaborare nel perseguire l’interesse comune a dir poco ammirevoli.

Concludo rivolgendo a famiglie, studenti, docenti e personale ATA del Liceo Mazzini l’esortazione di Seneca nella sua versione inglese – che come ogni versione degna di questo nome regala un di più di senso: «Continue to act thus […]»

il dirigente
Francesca Del Santo

Al tempo della didattica a distanza – una riflessione

Ultimi articoli

AVVISO 16 Aprile 2020

Protetto: Comodato d’uso device

Non è disponibile alcun riassunto in quanto si tratta di un articolo protetto.

ALUNNI 21 Marzo 2020

Iniziativa del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi

Un’interessante iniziativa del Consiglio Nazionale Ordine Psicologi in occasione dell’emergenza da COVID-19 https://www.

AVVISO 17 Marzo 2020

Solidarietà Digitale

– Per i clienti TIM si segnala questa iniziativa, https://www.

ATA 16 Marzo 2020

Corso di formazione a distanza Collaboratori Scolastici

Scarica il materiale del corso: – Formazione dei lavoratori – Sicurezza nella scuola

torna all'inizio del contenuto

COMUNICAZIONE DI SERVIZIO

Si avvisano tutti gli utenti di G Suite non in regola con le autorizzazioni che i loro account sono sospesi

AVVISO!

Si avvisa che l'attività didattica e i servizi proseguono in modalità a distanza, restando chiuso l'edificio scolastico fino alla cessazione dello stato di emergenza epidemiologica da COVID-19, ovvero fino a data di proroga.

SI RACCOMANDA DI PRENDERE VISIONE DELLE CIRCOLARI PUBBLICATE SUL REGISTRO ELETTRONICO.

MASSIMA IMPORTANZA!

AGGIORNAMENTO

Nelle more dei provvedimenti previsti all'art. 1 c. 13 del DECRETO-LEGGE 16 MAGGIO 2020 n. 33, e per effetto del combinato disposto del DL 8 aprile 2020, n. 22  e dell'O.M. 16 maggio 2020, n. 10, la sospensione dell'attività didattica in presenza si intende prorogata, salvo ulteriore indicazione, oltre il giorno 17 maggio. Proseguono altresì in modalità a distanza i lavori degli uffici.
Si invita a consultare il sito per gli aggiornamenti del caso.

Ai sensi del DPCM_20200517, la sospensione dell'attività didattica in presenza è prorogata al 14 GIUGNO.